Una famiglia irriverente

Nel 1986 avevo 8anni, ero andato alla Fox con mia mamma. Era estate e lei non sapeva a chi lasciarmi, i nonni erano lontani, mio padre...non so ancora ora chi sia, così mi portava spesso in ufficio. Era la segretaria del signor, ora non ricordo, ma era un pezzo grosso...

Tuttomondo

Il murales si trovava proprio a pochi passi, appena oltre l’ovale dell’antico anfiteatro romano che si trovava al posto di Piazza Vittorio Emanuele II dove confluiscono svariati viali e piccole vie tra cui proprio quella Via Riccardo Zandonai teatro del famoso murales. Le indicazioni marroni, tipiche degli elementi di interesse culturale, ci guidarono fin di fronte alla facciata della chiesa di San Antonio Abate.

L’arte siamo noi!

“Non esiste in realtà una cosa chiamata arte. Esistono solo gli artisti: uomini che un tempo con terra colorata tracciavano alla meglio le forme del bisonte sulla parete di una caverna e oggi comprano i colori e disegnano gli affissi pubblicitari, e nel corso dei secoli fecero parecchie altre cose.” Così iniziava “La storia dell’arte” il grande storico dell’arte E.H.Gombrich.  L’arte, quindi, è il frutto delle passioni, dei sentimenti, delle ossessioni di coloro che hanno donato la propria creatività al mondo. 

Chi ha avuto la fortuna di vivere al loro fianco, amici, mogli, amanti, figli, vicini di casa, persone comuni che non compaiono sui libri di storia dell’arte, sono i protagonisti di questa serie di storie. Essi ci offrono uno spaccato di vita dell’artista, certe volte solo un piccolo ritaglio di una vita contorta, altre volte un momento di riflessione in compagnia di una persona vicina che potrebbe essere uno di noi.

“In futuro tutti saranno famosi per 15 minuti” diceva Andy Warhol negli anni   ’60 del novecento. Ogni racconto vuole proprio dimostrare che non è importante tanto il tempo della gloria quanto quello della crescita personale e della passione… lasciatevi trasportare per 15′ nel mondo degli artisti perché ognuno dei personaggi al loro fianco potreste essere voi!

Tutti i personaggi dei racconti sono realmente esistiti ma, per esigenze legate alla narrazione, sono stati ampliati i loro momenti di contatto con gli artisti e le loro biografie personali per rendendole significative a scopo educativo.

Tuttavia queste storie sono saldamente fondate sulla ricerca condotta sui libri di storia dell’arte, sulle biografie specifiche, sui siti web ma, soprattutto, sui diari, sulle lettere e su tutto il materiale direttamente scritto dall’artista stesso quando abbiamo la fortuna di averlo conservato fino ad oggi.

Gli artisti raccontati sono:

Keith Haring

Matt Groening 

“Mi è sempre più chiaro che l’arte non è un’attività elitaria riservata all’apprezzamento di pochi: l’arte è per tutti e questo è il fine a cui voglio lavorare ” Keith Haring